NOMINATIVO                   Descrizione: F:\BACKUP_CYBERLATINUS_VERSIONE_2014\public_html\Immagini\esercizi.gif

Il Nominativus casus è – come indica il termine stesso – il caso del nome sotto forma di soggetto; e, inoltre, il caso di tutti quegli 

elementi della proposizione (predicato nominale, compl. predicativo del soggetto, attributo, apposizione) collegati con il soggetto.

 

Presentano il doppio nominativo (del soggetto e della parte nominale o del compl. predicativo del soggetto):

                                       

– i  verbi che, pur non essendo copulativi (infatti non mancano di senso compiuto), sono spesso accompagnati da un complemento predicativo: nascor, vivo, morior, sto, pereo, maneo…

 Scipio privatus in urbe mansit.

                                      

– i verbi copulativi all’infinito, dipendenti da verbi servili,  tra cui si ricordano: possum/queo (posso); nequeo (non posso); debeo (devo); soleo/consuesco (sono solito); incipio (comincio); statuo/constituo/decerno (stabilisco); audeo (oso).

 Sermo incipit obscurus fieri.

 

                                       

– i  verbi copulativi retti da verbi servili di volontà (volo, nolo, cupio, studeo, ecc.), purché abbiano lo stesso soggetto (altrimenti, si avranno delle proposizioni oggettive; che comunque possono trovarsi anche nel caso precedente).

 Cato malebat esse quam videri bonus; (oppure: Cato malebat se esse quam videri bonum).

 

                                       

– i verbi transitivi passivi appellativi (appellor, dicor...) elettivi (eligor, constituor...), estimativi (iudicor, habeor...) ed effettivi (fio= come passivo di facio, reddor...).

 Mortuo Romulo, Numa Pompilius rex electus est.

Descrizione: F:\BACKUP_CYBERLATINUS_VERSIONE_2014\public_html\Immagini\tornasu.gif